DANZA CREATIVA

Si tratta di un approccio alla danza che mette chi pratica nelle condizioni di trovare un proprio modo per esprimersi artisticamente attraverso il corpo, creando da sé la propria danza anziché acquisire particolari stili e tecniche. È una danza che da a tutti – indipendentemente dalle esperienze pregresse e dalle abilità – l’opportunità di attingere al proprio mondo emozionale e immaginativo per dargli delle forme significanti e in divenire nell’attivazione di percorsi di consapevolezza. Impiega metodi mutuati dalla danza contemporanea, dal teatrodanza, dal teatro fisico, dalla performance e dalla danzaterapia. Il programma si modella necessariamente in base alle caratteristiche del gruppo di lavoro, che diventa un vero e proprio piccolo collettivo coreografico. Il ruolo della conduttrice è quello di favorire l’emersione di liguaggi personali e facilitare lo scambio e il coordinamento all’interno del gruppo.

I percorsi si rivolgono a gruppi di ragazzi e ADULTI, che praticando insieme possono arrivare IN MODO AUTORIALE a una CREAZIONE finale.

Progetti speciali

5

TRAS-FORM-AZIONI

Percorso di danza creativa rivolto ad adulti senza necessaria esperienza pregressa. Le esperienze performative che finora hanno visto la luce:

5

TRAS-FORM-AZIONI | PRO

Percorso di danza creativa e terapeutica rivolto in particolare a danzatori e allievi danzatori, che ha l’obiettivo di integrare un lavoro di approfondimento emotivo, relazionale e creativo nel percorso di chi pratica le tecniche accademiche di danza. L’obiettivo è quello di bilanciare la richiesta prestazionale – talvolta causa di abbandoni e malesseri, nonché fattore di rischio per alcuni disturbi (in particolare quelli alimentari) – con l’ascolto delle proprie risorse interiori. Per facilitare un sereno sviluppo del proprio percorso accademico e per sollecitare una propria ricerca di autenticità artistica.

5

TRAS-FORM-AZIONI | MARIPOSAS

Percorsi di danza creativa e terapeutica rivolti a gruppi di adolescenti, di accompagnamento al loro “fragile e spavaldo” periodo di passaggio dall’infanzia all’età adulta.

5

BODY AND SOUL TRAINING

Training corporeo rivolto ad adulti, come piacevole pratica di gruppo in cui l’allenamento funzionale dolce coinvolge la creatività e l’espressività dei partecipanti.

5

DANCING IN THE PARK | Danza, luoghi e comunità

Progetto coordinato dall’Associazione “è” – arte, formazione, cura.

Luoghi di interesse artistico, culturale e paesaggistico di un territorio diventano location per alcuni incontri di pratica della danza dedicati a tutta la popolazione, con riguardo particolare all’inclusione di persone anziane e persone con disabilità che beneficiano di una pratica motoria dolce e di occasioni di socialità.

Il progetto Dancing in the Park nasce a Torino come costola di E-Motus, il percorso di Danzaterapia offerto alle persone con Parkinson e ai loro familiari, con l’intenzione di creare una continuità fra gli interventi che legano l’ambito artistico e culturale a quello della cura della persona, della società e dell’ambiente.

Dopo aver constatato l’apprezzamento e la collaborazione da parte dei partecipanti e degli enti ospitanti (come la GAM di Torino, Il PAV – Parco Arte Vivente e la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo) si è pensato di rendere più aperta l’attività svincolandola dal solo ambito del Parkinson – che resta comunque parte integrante dell’iniziativa – coinvolgendo gruppi più eterogenei che includano persone con disabilità diverse, anziani, famiglie, giovani, operatori, danzatori o artisti e chiunque abbia il desiderio di esserci.

Il concept specifico è quello di “fare comunità” incontrandosi in un contesto stimolante attraverso un linguaggio universale come la danza. Quest’arte è infatti in grado – attraverso la comunicazione non verbale e il legame con la musica – di amplificare gli aspetti emozionali dell’esperienza e arricchirla di significato.

Con Dancing in the Park vogliamo:

●  Offrire occasioni per incontrare il Patrimonio del territorio in modo interattivo e creativo, come luogo di tutti, da abitare e valorizzare.
●  Far conoscere o approfondire la pratica dell’arte della danza, nel suo linguaggio contemporaneo, come strumento di ricerca espressiva accessibile a tutti, utile all’evoluzione personale e alla coesione sociale in quanto coinvolge aspetti emozionali e relazionali.
●  Valorizzare il legame delle persone con l’ambiente sociale e culturale, lavorando con attori qualificati nel campo della cultura e dell’inclusione sociale del territorio.
●  Ampliare l’offerta di attività motoria dolce per le persone anziane o con disabilità attraverso una formula inedita che coniuga il movimento all’espressione artistica, alla socialità e alla fruizione del Patrimonio.